:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

SeaWatch e Sea Eye. Unhcr: "No a negoziati sulla pelle delle persone"

Dopo 18 giorni alcuni migranti rifiutano il cibo, si temono atti di autolesionismo. Sami (Unhcr): “Fase salvataggio e sbarco nel più vicino porto sicuro vanno distinte da accoglienza”. Di Giacomo (Oim): “Se anche salvare vite è una colpa, siamo al punto più basso solidarietà”. A giugno la proposta Unhcr-Oim caduta nel vuoto

Benvenuto su RS, l’agenzia giornalistica di Redattore Sociale.

Questa notizia è riservata agli abbonati.
Effettua il e accedi alla notizia. Oppure:

Scopri come abbonarti Vai alla homepage
di RS Agenzia
Vai a
Redattore Sociale