:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Rifugiati, quei traumi che complicano integrazione e percorsi di accoglienza

Sono sempre più numerosi i profughi che, per via delle violenze subite in viaggio, riportano sintomi di depressione e disturbo da stress post-traumatico. Se n’è discusso a Torino, in un convegno che ha messo a confronto operatori della salute mentale che lavorano a interventi di supporto ai migranti

Benvenuto su RS, l’agenzia giornalistica di Redattore Sociale.

Questa notizia è riservata agli abbonati.
Effettua il e accedi alla notizia. Oppure:

Scopri come abbonarti Vai alla homepage
di RS Agenzia
Vai a
Redattore Sociale